Floating off V



- - -

date: 02-10-2016 11:05

url: permalink

FP_35069.JPGFP_37678.JPGFP_37457.JPGFP_38268.JPG

Floating off IV


- - -

date: 30-09-2016 12:36

url: permalink

FP_35747.JPGFP_35448.JPGFP_37946.JPG

Floating off III


- - -

date: 26-09-2016 17:14

url: permalink

FP_37280.JPGFP_36017.JPGFP_37682.JPG

Floating off II


- - -

date: 23-09-2016 19:38

url: permalink

FP_38008.JPGFP_35386.JPGFP_36971.JPG

Floating off I


C'era dell'altro, tra l'altro.


- - -

date: 21-09-2016 00:05

url: permalink

FP_34882.JPGFP_34765.JPGFP_34734.JPG

Moscocchi


Siracusa 09.08.2016

- - -

date: 01-09-2016 12:41

url: permalink

Trinacria_35608.JPG

Pescepane


Toremar ferries 26.08.2016

- - -

date: 30-07-2016 13:57

url: permalink

Elba2016_35121_2.JPG

Tappi e Involucri

28-07-2016 23:22

url: permalink


Ecco un breve elenco delle situazioni che incontro più di frequente un po’ dappertutto.

Caso A: Il fotoreporter
Porta la macchina fotografica al collo, rigorosamente spenta (così non si scarica la batteria) e con il tappo sull’obbiettivo (onde evitare la pioggia frequente di polvere interstellare che potrebbe danneggiarlo).

Variante: Il tappo è collegato con un mini laccio alla macchina fotografica, di modo da non rischiare di perderlo. Il risultato è scattare con un aggeggio tondo che penzola ondeggiante nel vuoto ad altezza variabile. Fastidioso come una zecca ipertrofica. Ho ucciso a casaccio per molto meno.

Caso B: Il fotoreporter monco
Vedi caso A con un’aggravante: L’utente, come da titolo, è monco. Nel senso che una mano è inutilizzabile perché espleta la fondamentale funzione di protezione dell’obbiettivo (comunque coperto dal tappo: ma la sicurezza non è mai troppa).

Caso C: Il fotoreporter Pronto (da suggerimento di un collega che ringrazio)
Con ‘Pronto’ mi riferisco alla marca di custodie che permettono di liberare la macchina in un amen.

Ovviamente, in ogni caso, nel momento in cui ABC decidono che un soggetto è degno di essere immortalato:

1. (Solo per il caso C): liberano velocissimamente la macchina dalla custodia
2. Puntano il soggetto, ma si accorgono di avere il tappo
3. Tolgono il tappo, ma si accorgono che la macchina è spenta
4. Accendono la macchina, ma si accorgono che il soggetto non c’è più (a meno che si tratti di una quercia millenaria).

Ora la mia domanda è: se dovete scrivere, la penna non la tenete forse in mano (o al massimo dietro l’orecchio)? E se è dotata di tasto per estrarre la punta, non è forse abbassato?
E allora perché la vostra macchina fotografica non è accesa e il suo occhio non è aperto?

Quando esco per fare fotografie, se mi sono recato sul posto in macchina, il tappo spesso lo lascio nel portaoggetti dell’automobile (che mi fa peso in tasca). E da quando metto piede sull’asfalto a quando non rientro in auto, la fotocamera è in mano e sempre accesa (Ricordate che per la legge di Murphy è probabile che appena l’avrete riposta nello zaino, un elefante con le ali vi passerà bellamente sopra la testa schernendovi senza pietà). Se avete paura che si scarichi portatevi una pila supplementare.
Se, sul serio temete per la vostra lente, compratevi un filtro protettivo. Io personalmente non ne ho mai usati e per preservare il mio obiettivo monto sempre il paraluce che ritengo più che sufficiente.

Buon pro vi faccia.




Elba style


Isola d'Elba 26.08.2016

- - -

date: 28-07-2016 23:03

url: permalink

Elba2016_34910.JPG

Cane e tempesta


Bergamo, 25.4.'16

- - -

date: 25-04-2016 21:43

url: permalink

_MG_1649.JPG

Genesi di uno scatto


Questa è una delle fotografie di ‘Pellegrini’ che amo di più.

L’ho scattata il giorno seguente la canonizzazione dei due ‘papi’. A differenza del sabato, non ho avuto problemi a raggiungere piazza san Pietro.
E’ metà mattina e vedo questa suora. Prova a cantare e a pregare ma è troppo stanca e continua ad addormentarsi.

La prima foto non è male, l’inquadratura è praticamente identica a quella che sceglierò, ma il suo viso si vede poco ed è troppo in ombra.

La seconda è quella giusta, anche se la signora a sinistra seduta per terra con la camicia bianca un po’ la odio (nonostante ci sia la santa messa, sia una bella giornata e ci si senta tutti più buoni). Se dividiamo l’immagine in funzione della sezione aurea, notiamo che viso e mani della suora si trovano in punti chiave della fotografia.

La terza mi piace: il cielo, le due suore di spalle e gli occhi sopra le mani mi soddisfano. Ricordo di essermi mosso un po’ per riuscire a incastrare lo stemma del foulard del ragazzo fra le due suore. Non ho potuto però evitare di tagliare la signora sulla sinistra..

Nell’ultima, la suora è probabilmente troppo decentrata, le manca un alluce e le vere protagoniste sono le scarpe e le gambe delle suore di spalle.


- - -

date: 04-04-2016 22:35

url: permalink

_MG_6617.JPG_MG_6619.JPGsez_aurea.jpg_MG_6626.JPG_MG_6631.JPG

Nuvole rapide


In abruzzo, pochi giorni fa.

- - -

date: 14-02-2016 20:04

url: permalink

2_DM32862.jpg1_DM32820.jpg3_DM32849.jpg

un pomeriggio a Milano


- - -

date: 07-11-2015 23:34

url: permalink

Milano_166.jpgFitnesscolorno_8281.jpgMilano_164.jpg

Trova l'intruso


.. e tieni conto che mi trovavo a Trincomalee, in Sri Lanka..

- - -

date: 13-10-2015 20:05

url: permalink

88899.jpg

Al tramonto


Nel tardo pomeriggio, quando le temperature sono più miti, le famiglie cingalesi popolano le spiagge.
Le donne controllano i bambini mentre corrono, si tuffano e giocano senza sosta.

- - -

date: 04-10-2015 21:21

url: permalink

SRI_8752.jpgSRI_8734.jpg

search

pages

loading